karim
Blog

Le esperienze non sono critiche e le opinioni non sono verità assolute

Il mio ultimo articolo ha destato vari commenti, c'è chi ha scritto che la colpa è mia che non sono simpatico, un paio di lituani mi hanno scritto comparando le loro problematiche nel vivere in Italia da stranieri. Ho ricevuto anche una lamentela perché dipingo male il popolo lituano, come se fossero dei mostri.

Vorrei chiarire alcuni punti con te che con tanta pazienza leggi il mio blog. Sono sette anni che scrivo e dal mio primo articolo mi sono successe molte cose e come tutti nella vita sono cambiato nel modo di scrivere e nel modo di pensare. Mentre prima tendevo ad etichettare in base alle mie esperienze, ora mi limito a scrivere la mia esperienza, ma senza esprimere giudizi che siano insindacabili. A volte scrivo articoli senza nemmeno avere un'opinione al riguardo perché semplicemente non ce l'ho.

Nel mio ultimo articolo mi sono guardato bene da esprimere un giudizio tanto da concludere con questa frase:

A te l’infausto compito di giudicare questo popolo.

Io non ne voglio sapere niente sull'etichettare questo popolo con termini come "freddo", "antipatico", "scorbutico", "violento" o ancora altri termini inflazionati che sento quando altri italiani in visita parlano della Lituania. Io mi limito semplicemente a scrivere le mie esperienze e se esprimo un giudizio lo faccio con le mie dovute riserve e con il ragionevole dubbio di porre un giudizio sbagliato.

Non esprimendo un giudizio, divento inevitabilmente responsabile delle conclusioni tratte dal lettore. C'è il difensore avvocato della Lituania che subito commenta ridimensionando la mia esperienza paragonando all'Italia o a esperienze indirette. C'è il lituano che se la prende come se fosse un attacco personale alla sua identità e mi richiama in pubblico o insulta in privato. Un mio carissimo amico tempo fa mi ha scritto:


[...] comunque sia, osservando in blog e forum questi comportamenti ed altri simili come flames, attacchi personali ed insulti e chi più ne ha più ne metta. Mi ha portato a considerare il fatto che tutto sommato Internet, l'accesso illimitato alle informazioni, conduce alcuni tipi di persone a sopravvalutare il fatto che possiedono un'opinione su qualcosa. Spesso su qualunque cosa.

Nella realtà queste opinioni che manifestano nei loro commenti e interventi non sono vere opinioni, non sono frutto di riflessione, di scambio. Sono semplicemente pensieri istantanei che in qualche modo si materializzano con il loro intervento. E' chiaro che poi vengono fuori le stronzate.

Che la mia esperienza con i lituani sia molto diversa dall'esperienza che ho avuto con altri stranieri qui in Lituania, come ad esempio un mio amico spagnolo che ha abitato qui per un anno, è un dato di fatto che non può essere messo in discussione. Eppure c'è gente che vuole continuamente screditare la mia semplice esperienza di vita come se fosse qualcosa di opinabile. Fortunatamente ci sono persone che sanno come commentare ed un esempio è l'intervento di Flavio. Dove il commento aggiunge valore all'articolo.

Ho scritto in passato che è giusto e sacrosanto criticare il paese in cui si vive, soprattutto quando si pagano le tasse, ma giudicare la cultura di un popolo è una bestemmia. Vedere i lituani dal punto di vista di un italiano può essere sconvolgente, ma è normale dato che la sensazione è reciproca. Tante cose in Italia agli occhi dei lituani sono sconvolgenti e conoscendoli capisco bene il perché, ma quale delle due culture sia meglio non è universalmente riconosciuto, ma è legato ad un giudizio strettamente personale. Per fare un esempio io non sopporto l'inverno a queste latitudini, l'ho sopportato già vari anni, ma non è un clima che si addice al mio temperamento e alla mia cultura, mentre per chi è nato qui il clima fa parte della sua cultura.

Concludo con la risposto che ho dato alla ragazza che mi ha scritto in privato criticando il mio articolo sull'integrazione in Lituania perché dipingo i lituani come dei mostri:


Penso che tu non abbia ben capito di cosa tratta il mio blog. Se leggi bene il sottotitolo noterai che ho scritto: "Storie di un italiano residente in Lituania".

I miei articoli sono solo il resoconto delle mie esperienze personali. Non è mia intenzione insultare la cultura lituana o il popolo lituano, non scrivo mai con l'obiettivo di comporre una critica o un giudizio perché non ne ho la competenza e non ho abbastanza esperienza in questo paese per farlo.

E' probabile, anzi sicuramente possibile, che altri italiani o più generalmente stranieri, abbiano avuto altre esperienze migliori e peggiori della mia con il popolo lituano. Se hai tratto una conclusione leggendo un mio articolo allora la conclusione è tua personale e non è detto che sia la stessa che ho tratto io alla luce delle mie esperienze personali e che mi guardo bene dal rendere pubbliche.

Se invece pensi che le mie esperienze siano solo frutto di fantasia, beh, questa è un'altra storia.

Categories: Blog Italia Lituania




Commenti



Articoli Recenti


Archivio


Categorie

Tags